Chirurgia Plastica e Metodi Alternativi: COSTI


Abbiamo già parlato di quanto la chirurgia plastica sia diffusa in Corea parlando delle operazioni più comuni e quelle più… interessanti (QUI). Non siamo, però, mai andate in profondità nell’argomento.
Vi vogliamo oggi parlare più precisamente dei prezzi, degli ospedali chirurgici e delle “tecniche alternative” di chirurgia plastica.
Non siamo assolutamente delle esperte nè di chirurgia nè di medicina, quindi ci limiteremo a dare informazioni generali che ci sono state date da amici coreani e che abbiamo ricercato su internet.

Sappiamo già benissimo che il culto della “bellezza” in Corea è estremamente diffuso e che per molti questo finisce con il diventare una vera e propria ossessione. La tv coreana, le strade e anche i palazzi sono tappezzati di foto di ragazze e ragazzi bellissimi, le stazioni della metro sono piene di pubblicità di cliniche chirurgiche e non venire a contatto con questo “mondo” è praticamente impossibile.
Fin da piccole molte ragazzine coreane sognano di poter crescere velocemente per poter farsi le tanto sognate doppie palpebre, di sistemarsi la V-line e così via. Molte di loro, non avendo ne l’età adatta ne i soldi necessari ricorrono quindi a “metodi alternativi”.
Capita spesso di accenderebeautyitem14 la tv e vedere simpatiche signore coreane che li pubblicizzano (stile materassi Eminflex o coltelli Miracle Blade) e, naturalmente, le ragazzine coreane corrono a comprarli.
Sono solitamente strani occhiali che servono ad allargare gli occhi, attrezzi che ti impediscono di sbattere le palpebre allo scopo di creare la doppia palpebra o ancora strane molle che ti restringono il naso. Costano solo pochi euro.
Naturalmente l’utilizzo di tutti questi attrezzi di tortura… NON fa bene! In particolare se usati da ragazzine ancora in crescita! In Corea a volte succede anche questo, però.
NON PROVATELO A CASA.

Passiamo ora alla chirurgia vera e propria. La zona di Gangnam è piena di ospedali ed è facilissimo trovarli. La Corea è famosa proprio perchè questa pratica è usatissima, perchè i dottori sono veramente bravi e anche perchè i prezzi sono convenienti rispetto a quelli di altre nazioni.
La Corea è una meta ambita anche da molte persone provenienti dal sud est asiatico che, nonostante possano beneficiare di prezzi più bassi nelle loro nazioni, optano per la qualità e vengono in “vacanza chirurgica” a Seoul.
Gli ospedali stessi offrono pacchetti per gli stranieri che desiderano soggiornare in Corea per questo motivo che includono soggiorno, trasporti e tutti quei piccoli aiuti che uno straniero necessita quando viene per la prima volta in un paese straniero.
I pacchetti più famosi sono quelli riguardanti la “faccia”, quindi V-line, doppia palpebra ecc e solitamente hanno un prezzo che si aggira attorno ai 10.000 euro.

Questa, infine, è la lista dei prezzi medi dei trattamenti chirurgici più comuni in Corea. Non essendo noi delle esperte abbiamo semplicemente riportato i prezzi che abbiamo trovato nei siti e blog coreani, potrebbero, quindi, non essere precisi.
Anche i nomi delle operazioni chirurgiche sono stati tradotti dal coreano all’italiano e quindi potrebbero non essere i termini medici esatti. Abbiamo deciso di postare questa lista semplicemente per darvi un idea di quelli che possono essere i costi.
Cercando su internet ne abbiamo trovati anche di molto meno costosi, ma si sa, se si tratta di doversi operare non è mai consigliato scegliere la via meno dispendiosa!
NB: i prezzi sono in WON. 1 Euro= 1450 Won

Occhi
Doppia palpebra: 1,000,000~ 3,300,000 (varia a seconda dello stile)
Taglio angolo interno occhio: 600,000
Allungamento angolo esterno: 800,000
Ricostruzione palpebra superiore: 1,500,000
Ricostruzione palpebra inferiore: 1,500.000
Rimodellamento sopracciglia: 1,300,000 ~ 1,700,000
Infoltimento sopracciglia: 3,500,000

Naso
Rimodellazione con silicone: da 1,000,000
Narici: 2,000,000 ~ 4,000,000
Raddrizzamento naso (?): 4,000,000+
Rinoplastica: 2,600,000~5,000,000

Contorno viso
Mascella: 5,000,000+
Zigomi: 5,000,000+
Mento: 2,500,000 ~ 5,000,000
Fronte: 2,200,000 ~ 2,500,000

Riduzione muscoli
Polpacci: 7,000,000 ~ 7,500,000

Liposuzione
Addominale (superiore e inferiore): 3,000,000
Cosce: 2,000,000 ~ 5,000,000
Braccia: 1,500,000

Seno
Aumento del seno: 6,600,000

Mesoterapia
Rimozione rughe-botox: 200,000 ~ 300,000
Botox mascella: 400,000
Filler: 600,000~1,000,000

Se avete altre curiosità, precisazioni o ci sono delle cose che non vi sono ben chiare non esitate a farcelo sapere commentando qui sotto.

Seoul Fashion Week + FOTO


Seoul fashion week! E’ uno dei tantissimi eventi a cui potrete assistere una volta a Seoul e si tiene due volte all’anno: una ad Ottobre e una a Marzo. Partecipando all’edizione di Ottobre potrete vedere le collezioni primavera/estate, mentre in quella di Marzo le collezioni autunno/inverno.

Solitamente dura circa 5 giorni, ogni giorni ci sono sfilate di artisti diversi, quasi tutti coreani o asiatici. Il motivo principale per cui la maggior parte delle persone ci partecipa, però, è la grande possibilità di vedere molti modelli e modelle in giro! La cosa sorprendente, infatti, è come la maggior parte delle persone che girano attorno all’area in cui si tiene la fashion week siano di altezza notevolmente superiore alla media. Si possono vedere persone vestite nei modi più assurdi, performance di artisti di strada e moltissimo altro.

Noi in prima persona non siamo andate ad assistere alle sfilate, ma siamo semplicemente andate a gironzolare attorno alla location della fashion week per curiosare.
Nel caso non lo abbiate ancora visto, vi consigliamo di vedere il video che abbiamo girato lì! Vi darà un idea generale di ciò che potreste trovare.

Molti di voi saranno probabilmente interessati a sapere come si possono comprare i biglietti. Da quanto ne sappiamo noi ci sono le biglietterie direttamente vicino allo stabile in cui si terranno le sfilate, ma molti li comprano su internet. Facendo una ricerca online abbiamo visto che erano in vendita anche in QUESTO sito e, naturalmente, anche nel sito ufficiale QUESTO. Non sappiamo se sia sempre così. I prezzi non sono molto alti, attorno ai 10 euro, anche meno, ma i biglietti non sono facili da comprare. Molte persone infatti hanno conoscenze all’interno dell’ambito della moda, amici modelli ecc che procurano loro i biglietti.

La location dell’evento non è sempre la stessa. Spesso è nella zona di Gangnam, ma l’ultima volta, per esempio, si è tenuto al Dongdaemun Fashion Plaza, uno stabilimento da poco costruito nella zona di Dongdaemun.

Non vogliamo dilungarci troppo, se avete altre informazioni siete liberi di chiedercele commentando qui sotto. Vi lasciamo ora con un po’ di foto scattate durante questo evento!

 

Ragazzi Coreani VS Ragazzi Italiani


Questo sembra essere un topic veramente gettonato ultimamente. Ci arrivano moltissime domande al riguardo, quindi abbiamo pensato fosse necessario scrivere un post.
Che differenze ci sono tra i ragazzi coreani e quelli italiani? E’ meglio un ragazzo italiano o uno coreano? E’ vero che i ragazzi coreani sono più maturi? Queste sono alcune delle domande che abbiamo  ricevuto e cercheremo oggi di dare una risposta a questi dubbi che sembrano avere in molti.
Questa è la nostra opinione PERSONALE, non è la verità assoluta. Sono idee che ci siamo fatte basandoci sulla nostra esperienza e quindi potrebbero essere completamente diverse da quelle di molti altri. Come ripetiamo sempre, se avete avuto esperienze diverse, simili o avete qualsiasi cosa da aggiungere fatecelo sapere commentando qui sotto e saremo ben felici di leggerle assieme a tutti gli altri lettori del blog.

Iniziamo dal principio. Capita spesso di leggere, ultimamente, commenti negativi riguardo ai ragazzi italiani, commenti in cui i ragazzi italiani vengono tutti definiti “brutti e cattivi” (per non usare francesismi) e che dall’altro lato elogiano i ragazzi coreani o asiatici in generale, dicendo che loro sono molto più attraenti e maturi. Queste sono opinioni personali e noi come tali le accettiamo, ma vogliamo con questo post esporre la nostra opinione, dato che ci è stato chiesto diverse volte.
Che i ragazzi coreani siano più attraenti di quelli italiani (o occidentali in generale) è una cosa che è determinata da puri gusti personali e che quindi non può in alcun modo essere messa in discussione (noi per prime siamo molto attratte dai tratti asiatici), ma dire che tutti gli occidentali sono brutti, inguardabili e chi ne ha più ne metta sembra essere una presa di posizione decisamente irrazionale. Essere attratte da una persona e dire se una persona è oggettivamente bella o no sono due cose diverse. Insomma, anche noi preferiamo i tratti asiatici o misti, ma questo non vuol dire che se ci troviamo un Johnny Depp nudo davanti lo prendiamo e lo buttiamo assieme all’umido della raccolta differenziata.
Data questa premessa, iniziamo con le varie domande.

johnny depp1

E’ vero che i ragazzi coreani sono più maturi?
Non stiamo a ripetere che dipende da persona a persona e bla bla bla, insomma questo già lo avete capito. Per dare una risposta secca… sì, sono solitamente più maturi. Non è perchè gli asiatici sono più intelligenti o cose simili, è semplicemente un fatto di cultura. In Corea si vedono bambini di 7-8 anni andare a scuola da soli, attraversare strade a 6 corsie e andare a fare la spesa. Insomma, fin da piccoli sono abituati ad essere indipendenti e questo probabilmente li aiuta a maturare più velocemente. Secondo la cultura coreana molti tendono a sposarsi prima e questo, a volte, li può spingere a prendere le relazioni più seriamente, ma questo NON vale assolutamente per tutti.
Troverete anche in Corea il ragazzo che vuole solamente divertirsi per una serata, quello che vi prenderà in giro e quello che vi tradirà. Il fatto che in genere siano più maturi NON vuol assolutamente dire che TUTTI cerchiano una storia seria.

E’ vero che i Coreani trattano le ragazze come principesse?
Sì, alcuni fanno gli “schiavini”, fanno tutto quello che la ragazza vuole, le allacciano le scarpe, le tengono la borsa ecc, queste sono di certo cose che probabilmente non avrete mai da un ragazzo italiano che solitamente è più orgoglioso. Spesso i ragazzi Coreani sono più “servili” e tendono a trattare la ragazza come fosse un bambina. Questa tipo di relazione è abbastanza comune tra coppie coreane, ma i ragazzi spesso non sanno come comportarsi con le ragazze straniere, quindi potrebbe essere diverso.
In generale, i ragazzi pagano la cena, la ragazza il caffe, i ragazzi pagano il cinema, la ragazza i popcorn. insomma, il ragazzo finisce sempre per pagare di più. Questo però è da ammettere che capita anche in Italia, quindi non è una caratterista prettamente coreana.

E’ vero che i ragazzi coreani sono fedeli e non sono playboy?
Non esiste nessun nazione al mondo in cui tutti gli uomini siano fedeli e la Corea di certo non fa eccezione. Se andate in una qualsiasi discoteca, specialmente nella zona di Gangnam, non sarà difficile trovare ragazzi coreani con la lingua che vola di bocca in bocca. Succede in Italia, succede in America e succede anche in Corea, sì.
Diciamo che naturalmente dipende da dove li incontrate. Più alcool gira in quella zona e più alte possibilità ci sono di trovare ragazzi che tutto hanno in mente tranne che una storia seria. Se li conoscete all’università sicuramente è molto più facile incontrare persone con intenzioni più “pure”. Altra cosa molto importante: il livello di playboyiaggine è direttamente proporzionale alla bellezza del ragazzo. Cosa scontata, forse, ma più belli si è più proposte si ricevono e più facile è smarrire la retta via. Questo non vuol dire che tutti i “belloni” sono così, ma ci sono più possibilità che lo siano.
In Corea, poi, ci sono bar che sono “hunting free” dove i single vanno per conoscere nuove persone. Non stupirebbe nessuno conoscere qualche persona poco bene intenzionata li, no?

I ragazzi coreani fanno veramente tutte le sorprese romantiche che mostrano nei drama?
Orsi giganti? Palloncini e candeline a forma di cuore nella vostra stanza? Fedine per i 100 giorni? Si, fanno tutto questo. Fa parte della… cultura? Gli italiani hanno il loro stile, i coreani ne hanno un altro. Indubbiamente per una straniera questo potrebbe sembrare estremamente romantico e lo è. Sono cose a cui non siamo abituate, sono esperienze nuove ed è normale pensare che i Coreani siano estremamente dolci.
Una differenza, per esempio, può essere che solitamente i coreani non regalano fiori. Da quanto ci è stato riferito non lo fanno non perché non vogliono, ma perché a volte le ragazze coreane non li apprezzano, dato che sono un qualcosa che prima o poi morirà e non rimarrà con loro.

Finiamo con un po’ di random facts riguardanti le differenze da noi notate:

  • I ragazzi coreani si lavano molto, TROPPO;
  • Spesso usano prodotti per la pelle e/o trucco;
  • Sono solitamente più bravi a cantare (tanta pratica al karaoke?);
  • Ti accompagnano sempre a casa dopo un appuntamento;
  • Usano le borse e le POCHETTE;
  • Alcuni si fanno la permanente;
  • Alcuni usano le circle lenses;
  • Solitamente a loro non interessa se la ragazza è rifatta;
  • Molti sono fissati con i giochi online per pc.

 

Se ne avete altre… fatecelo sapere commentando qui sotto!

Per maggiori informazioni leggete anche:

Vi lasciamo ora con alcuni dei nostri uomini preferiti, tutte le nazionalità più una (?) LOL

Come conoscere gente coreana: online


Abito in Italia e vorrei conoscere gente coreana.. come posso fare?“, “Fra poco mi trasferisco in Corea e vorrei conoscere qualcuno che ci abita, qualche consiglio?” e “Studio il coreano e vorrei metterlo in pratica, conoscete qualche sito?” sono tutte domande che ormai ci vengono poste in continuazione e abbiamo deciso di darvi risposta con questo post molto veloce, che speriamo venga apprezzato.

Su che social media posso conoscere dei coreani?

In Italia incontrare coreani non è impossibile, ma di sicuro molto difficile, a meno che non si abiti in città particolarmente famose tipo Roma, Milano o Venezia.
Quindi vogliamo proporvi una lista di Social Network dove è più che possibile conoscere coreani (cliccate sui nomi dei siti per aprire il link):

  • Interpals: lo abbiamo usato anche noi e vi accorgerete che ci sono un sacco di utenti coreani. Molta gente lo usa solo per trovare “l’anima gemella”, altri per stringere vere e proprie amicizie con persone provenienti da tutto il mondo.
    Oltre che un ottimo modo per parlare inglese, vi da la possibilità di mettere in pratica il vostro coreano (se lo state imparando) o di impararlo, tramite l’aiuto offerto da alcuni iscritti.
    Il sito mette a disposizione diverse opzioni di ricerca, permettendovi di trovare coreani, giapponesi, americani, turchi etc c’è davvero di tutto!
  • Conversation Exchange: facendo “sing-up” in cima alla pagine potrete iscrivervi al sito e completate il vostro profilo. Andando su “correspondence” potrete inserire i dati di ricerca per trovare il tipo di persona con cui volete parlare, riempite i campi e vedrete che vi comparirà una lista di possibili “nuovi amici”;
  • PenPal World: questo sito è online dal 1993 e ti permette di contattare 3 persone per giorno e di rispondere a tutti i messaggi che ricevi. E’ uno dei siti di più conosciuti online, dateci un’occhiata!

Esistono molti altri siti del genere, ma questi sono quelli che abbiamo provato e che vogliamo consigliarvi!
Spesso si sente anche parlare di KoreanCupid, ma noi ci sentiamo di sconsigliarvelo calorosamente. E’ un sito che ha l’unico scopo di incontrare l’anima gemella, ma spesso è pieno di profili falsi e di pervertiti. L’età media è abbastanza alta e molti utenti sono coreani divorziati. Insomma, ci sono sicuramente anche li persone “normali”, ma ci sono molti altri siti più raccomandabili da provare.

Applicazioni per il cellulare?

E’ possibile conoscere coreani anche usando il cellulare, ma solo una volta arrivati in Corea, perché le applicazioni di cui vi parleremo vi daranno un elenco di persone ad un TOT di distanza da dove vi trovate voi, il che vuol dire che se utilizzaste queste applicazioni in Italia, probabilmente, vi ritrovereste solo italiani.
Il secondo disclaimer riguardo a questa “categoria di ricerca dell’amicone coreano” è che solitamente queste applicazioni vengono utilizzate per trovare “l’anima gemella”.

  • Skout: l’applicazione non è a pagamento ed è possibile impostare i termini di ricerca, si può trovare un po’ di tutto.. gente interessata a trovarsi nuovi amici, altra che usa l’application per abbordare l’altro sesso e via dicendo.
  • Tinder: questa applicazone viene prevalentemente usata per cercare esemplari del sesso opposto (o dello stesso, in base ai vostri gusti!), quindi è considerata di più come “dating application”. Però chi lo sa.. magari ci potreste riuscire a trovare il vostro futuro migliore amico!
  • 1KM: non sappiamo più come descrivere queste application, perché alla fine sono praticamente tutte uguali. Anche questa, infatti, viene usata prevalentemente per trovare “l’anima gemella”.

Queste sono 3 delle applicazioni più usate in Corea del Sud, ma ce ne sono molte altre come ad esempio: Grinder e Jackd (solo per gay).

Ci teniamo anche a rendervi partecipi che alcune persone che conosciamo hanno avuto esperienze poco piacevoli utilizzando alcuni dei siti e applicazioni sopracitati. Va bene dare confidenza agli sconosciuti, ma mai troppa. Non si sa mai chi ci sia dall’altra parte del computer. Fate attenzione.

– – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – – –

Questo post si conclude qui, se avete altri modi per conoscere gente coreana lasciatecelo scritto in un commento! E fateci sapere le vostre esperienze! ^_^/

In che università studiare coreano?


Eccoci tornate con un nuovo post a tema “studiare coreano a Seoul”. Ultimamente ci stanno arrivando molte domande da persone che vorrebbero sapere dove sarebbe meglio studiare coreano.
Se quello che vi interessa sapere è com’è studiare coreano in una università rispetto ad una scuola privata allora, siete fortunati, abbiamo già scritto un post a riguardo e potete leggerlo cliccando QUA.
In questo articolo parleremo, invece, di come decidere in quale università studiare e in base a cosa sarebbe preferibile scegliere. Cominciamo con una lista in ordine sparso delle migliori scuole di lingua coreana a Seoul:

  1. Yonsei University
  2. Seoul National University
  3. Ewha University
  4. Sogang University
  5. Hankuk University

(QUI invece trovate una lista con altre scuole più quelle nominate in questo articolo e i rispettivi prezzi)

Navigando online vi accorgerete che le scuole di lingua di cui si sente più parlare sono la Yonsei University, Ewha University e Sogang University. Si potrebbe tranquillamente leggere una delle tante litigate online su quale scuola è meglio dell’altra, con tanto di pop-corn e cocacola, ma noi vi invitiamo a vederla in questo modo: bisogna scegliere la scuola in base a che tipo di persona si è, a come si è abituati a studiare e, sopratutto, avendo bene in chiaro cosa si vuol fare DOPO aver studiato coreano.

Vi facciamo presente che noi di Persi in Corea abbiamo studiato a Yonsei KLI e Sogang KLEC, quindi quando parliamo delle altre scuole è solo per sentito dire e siete liberissimi di dire la vostra in proposito!

Scegliere in base a che tipo di persona si è

Sembra una cavolata detta così, ma è vero. Se vi piace l’idea di dover organizzare gare canore (ovviamente kpop!) o teatrali tra classi senza vergognarvi troppo allora la Yonsei potrebbe essere la scelta giusta, poiché una volta a livello si ha una giornata speciale in cui tutte le classi preparano uno “show” da esibire davanti a tutti gli altri studenti. Detto così sembra divertentissimo, ma se siete il tipo di persona a cui non piace stare sul palco (come me ahah) o ha l’ansia dell’avere troppa attenzione su di se, allora è una cosa da evitare, perché è OBBLIGATORIO (a meno che non abbiate una scusa valida). Che noi sappiamo questo genere di eventi si tiene a Yonsei KLI e in altre università di cui non siamo molto sicure.
Se vi piace molto parlare e costruire buoni rapporti con i compagni di classe da subito allora forse una scuola come la Sogang è più indicata, perché si passa il 50% della lezione a parlare, in meno di una settimana avrete già parlato con tutti i compagni di classe e l’ansia da “oddio non conosco nessuno come accidenti faccio mamma aiutami tu se puoi” sarà svanita nel giro dei primi 3 giorni.

Segliere in base a come vi piace studiare

Vi piace l’idea di poter imparare un sacco di regole grammaticali diverse? Che l’insegnante vi dia un sacco di esempi differenti da poter utilizzare? Allora forse questo è il caso di scegliere una scuola come la Yonsei KLI o Seoul National University (a quanto ci è stato riferito). Sono due scuole che si concentrano prevalentemente sulla grammatica e i vocaboli nuovi, alla fine di ogni livello si imparano davvero un sacco di cose e si presuppone che si faccia esercizio di parlato fuori da scuola, perché durante lezione la pratica di parlato è davvero poca.
Se invece vi piace imparare “giocando”, parlando costantemente con tutti i vostri compagni di classe, andando un po’ più lenti con la grammatica e imparando ad usarla durante le ore di lezione allora le scelte giuste possono essere la Sogang o Ewha. La Sogang in particolare si concentra nell’insegnare il parlato di ogni giorno, per riuscire a “sopravvivere” alla vita in Corea.

Scegliere in base a cosa volete fare DOPO

Da questo probabilmente dipenderà tutto. Se volete andare a fare un corso di laurea all’università avrete bisogno di avere una buona conoscienza sia delle regole grammaticali che un buon vocabolario, allora la scelta migliore dovrebbe essere quella di seguire di corsi specifici di preparazione all’università (ogni scuola di lingua dovrebbe offrirne uno) o dei corsi sulla tipologia Yonsei o Seoul National University.
Se vi interessa solo imparare il coreano per saperlo parlare bene e in maniera “sciolta” allora la Sogang dovrebbe essere la scelta migliore, anche perché al contrario delle altre scuole di lingua si concentra poco sulla scrittura, che in caso si volesse andare all’università è una cosa molto importante.

In linea di massima le scuole che si concentrano di più sulle regole grammaticali e scrittura sono Yonsei e Seoul National University, la Sogang è molto più concentrata sul parlato e la Ewha dovrebbe essere un po’ una via di mezzo tra le due tipologie.

NB: ripetiamo che va molto a carattere, ad esempio Anna alla Yonsei si è trovata benissimo, come un sacco di altra gente! Ci sono un sacco di persone che conosciamo che si trovano altrettanto bene alla Ewha!

Se volete organizzare un viaggio studio a Seoul vi consigliamo di leggere QUESTO articolo.
In QUESTO post invece facciamo una lista di domande che ci vengono fatte spessissimo e magari troverete risposta alle vostre.
Se volete iscrivervi alla Yonsei KLI leggete QUESTO e se volete, invece, iscrivervi ai corsi della Sogang QUESTO.

Con questo articolo speriamo di riuscire ad aiutarvi nella scelta della vostra futura scuola di lingua, se pensate che alcune delle cose scritte nell’articolo siano sbagliate o se avete avuto esperienze diverse non esitate a farcelo sapere con un commento!

Viaggio da Seoul a Tokyo


Come alcuni di voi forse sapranno qualche settimana fa abbiamo colto l’occasione di andare per una settimana in Giappone, a Tokyo. Abitando a Seoul abbiamo voluto approfittare della vicinanza tra le due capitali e regalarci una vacanza e in questo post vi racconteremo un po’ di come abbiamo organizzato il viaggio. Parleremo di alloggi, voli aerei e delle nostre impressioni riguardo questa grande metropoli che è così vicina, ma allo stesso tempo così diversa. Raccontandovi delle nostre esperienze speriamo possiate trovare consigli utili se anche voi, un giorno, vorrete fare un viaggio da Seoul al Giappone.

VOLO AEREO
Abbiamo deciso di andare sul lowcost. Le compagnie aree, di cui siamo a conoscenza, che offrono voli al minor prezzo sono: Jeju Air e Eastar Jet. Abbiamo pagato 200 euro per un biglietto andata e ritorno, ma sappiamo che con Jeju Air a volte si riescono anche a comprare a meno. Con la maggior parte delle altre compagnie aere, invece, i prezzi salgono e non è difficile che raggiungano i 300/400 euro.
NB: Se qualcuno di voi conosce compagnie che hanno voli a prezzo più basso potete farcelo sapere commentando qui sotto. Abbiamo volato con Eastar Jet e ci siamo trovate bene. Gli aerei sono piccoli e i sedili non dei più spaziosi, ma si tratta di un volo di poco più di due ore, quindi non abbiamo avuto assolutamente nessun problema. Ci è stato portato da bere e ci sono stati offerti alcuni snack come nelle altre compagnie aeree.

ALLOGGIO
Anche qui abbiamo deciso di andare per il lowcost e abbiamo quindi optato per una guest house. La nostra si chiamava “Khaosan” (QUESTA). Si trova ad Asakusa, non troppo distante dalla fermata della metro e le stanze erano estremamente pulite e tutto funzionava perfettamente. Il personale è stato molto gentile e ci ha aiutate molto, in più hanno anche una grande cucina con 4/5 angoli cottura con lavandino, un grande frigo dove poter mettere il vostro cibo e diversi tavoli e poltrone su cui sedervi per mangiare o magari semplicemente conoscere nuove persone. Abbiamo fatto nuove amicizie con le persone che alloggiavano all’ostello quindi il nostro soggiorno è stato molto piacevole e abbiamo trovato altri amici con cui girare la città.

CELLULARE
Dato che non possiamo vivere senza il nostro cellulare e la connessione internet (o almeno Anna non può), fin prima di partire ci eravamo informate se era possibile noleggiare o un cellulare giapponese o un router wifi da cui poterci connettere con il nostro telefono coreano. All’aeroporto è disponibile il servizio noleggio di cellulari, ma ci siamo un po’ scoraggiate vedendo i prezzi. Abbiamo però poi scoperto che il nostro ostello metteva a disposizione, per circa 4 euro al giorno, smartphone giapponesi che potevano essere trasformati in router wifi! Abbiamo colto l’occasione e abbiamo preso uno di quelli.

TRASPORTI
Abituate ai prezzi bassissimi di Seoul, scoprire che i mezzi di trasporto in Giappone costavano di più ci ha inizialmente un po’ spiazzate. Per 30 minuti di metro a Seoul si spende all’incirca 1 euro, a Tokyo invece almeno 2. SI tratta comunque di prezzi bassi, ma ormai ci siamo abituate troppo bene. La cosa più traumatizzante sono stati però i taxi. La tariffa base parte dai 5-6 euro, mentre a Seoul dai 2 euro e questo rende lo spostamento in taxi estremamente costoso! Vi consigliamo di prendere il taxi solo in casi disperati o se disponete di cospicue risorse finanziarie. Gli autobus non li abbiamo mai presi, quindi purtroppo non vi sappiamo dire nulla a riguardo.

CIBO
Tutto estremamente buono! I primi giorni abbiamo mangiato praticamente solo ramen che per quanto buono fosse dopo un po’ ci ha dato alla testa. Anche a Tokyo, come a Seoul, il cibo non costa molto e si pranza con 6-7 euro, a volte anche con meno. I sushi bar sono stati forse la cosa più sorprendente però. Noi ne abbiamo provato uno a Shibuya, chiamato GEN, in cui è tutto computerizzato. Davanti ad ogni posto a sedere c’è un mini computer touch screen nel quale si vede il menu e si possono ordinare i vari tipi di sushi, sashimi, maki ecc. A volte compariva anche un gioco, carta-sasso-forbice, e per i vincitori c’era in premio lo sconto del 10% nel caso fossero tornati di nuovo! Abbiamo mangiato tantissimo sushi e abbiamo speso circa 10-15 euro!!!

COSE DA VISITARE
Ok, non siamo guide turistiche e non conosciamo Tokyo abbastanza bene per dirvi cosa vale o no la pena di visitare, per quello ci sono tantissimi altri blog sul Giappone e guide turistiche. Vogliamo però dirvi un paio di cose che ci sono rimaste impresse. La cosa più assurda in assoluto di Tokyo è forse il Robot Restaurant. Non centra che sia un ristorante, la cosa importante sono i robot! Non si tratta dei solito robot alla stile Gundam, anzi! Sono donne vestite in intimo molto colorato che guidano questi robot dalle tettone giganti!!! Il tutto è a ritmo di musica elettronica e ci sono decine di donne guidatrici di robot che simulano lotte e coreografie varie! Il tutto sembra assolutamente assurdo, ma è indubbiamente una cosa da vedere se si vuole passare una serata diversa da solito.
Altra cosa impressionante è la cultura del porno. Non è proprio un “qualcosa da vedere”, ma è interessante vedere come gli hentai vengano venduti vicini ai manga per bambini e come sia facile trovare sexy shops! Noi ne abbiamo “visitato” uno ad Akihabara ed è stata un esperienza… unica. Vendono le cose più assurde, molte delle quali non si capisce nemmeno a cosa servano. Insomma, sono 6/7 piani di sexy shop e ogni piano vende “attrezzi” e diverse cose di dubbia origine.
Abbiamo naturalmente visitato anche templi, palazzi parchi ecc e posteremo le foto a fine post.

Durante questo viaggio abbiamo notato tantissimo le differenze con Seoul, sia per quanto riguarda al città in se che per le persone stesse. Tutte le nostre impressioni sono appunto solo “impressioni” e potrebbero essere completamente diverse dalla realtà dei fatti, d’altronde se dopo 2 anni che sono in Corea non posso dire di conoscere i coreani, di certo 5 giorni non possono illuminarmi e darmi la verità assoluta sul Giappone!
Vi lascio però con una lista di osservazioni fatte e alcuni facts che abbiamo notato durante il breve soggiorno:

  • Tokyo è PULITISSIMA;
  • Troppe persone usano la mascherina, mentre in Corea sono relativamente in pochi;
  • I giapponesi e l’inglese non si sono MAI conosciuti;
  • Tutti si aspettano che se anche sei straniero tu sappia capire e parlare il giapponese;
  • Tutti sono estremamente gentili, a volte TROPPO;
  • Guardare porno con il computer in metro non è poi così strano;
  • I ristoranti coreani costano un sacco e ci sono ristoranti italiani OVUNQUE.

Vi lasciamo con due video che abbiamo fatto riguardo al Giappone, se volete saperne di più sui ragazzi giapponesi vs quelli coreani, sulla vita notturna e sulle differenze tra le città guardateli! Sotto questi troverete le foto!

Ricetta: Pajeon – pizza (frittata) coreana


2013-05-27 18.39.04
Rimaniamo sempre sul semplice, oggi prepariamo il pajeon, ovvero la frittata di cipolle. Presentata in questa maniera non sembra uno dei cibi piu’ allettanti, ma vi posso giurare che in tutta la sua semplicita’ e’ uno dei piatti piu’ buoni in Corea.

Si usa mangiarlo bevendo alcool, specialmente makkolli, sopratutto durante le giornate piovose. Accompagna anche numerose pietanze della tavola coreana e soprattutto durante le festivita’ e’ uno dei contorni che non manca mai.

Il pajeon e’ un tipo delle tante jeon (frittata) esistenti. Tra le piu’ famose, assieme al pajeon, vi sono la haemuljeon (frittata con frutti di mare) e la kimchijeon (frittata con il kimchi). La jeon coreana assomiglia molto alla frittata cinese, da cui probabilmente deriva, ma come consistenza e’ meno densa e piu’ croccante. Per quanto riguarda il pajeon, l’ingrediente principale e’ di fatto la Pa (cipollina). Il pajeon e’ spesso confuso con il bindaetteok, ovvero un altro tipo di frittata che assomiglia alla nostra farinata.

INGREDIENTI

  • 2 bicchieri di farina;
  • 2 uova;
  • 1.5 d’acqua;
  • Cipolline tagliate a strisce;
  • 1 cucchiaino di sale;
  • olio per friggere;
  • 1 peperoncino tagliato a dischetti, facoltativo.

PREPARAZIONE
Preparare la base per la frittata mischiando farina, acqua, sale e uova. Una volta mischiato bene aggiungere gli ingredienti gia’ tagliati alla base. Con un cucchiaio cercare di mescolare il tutto per far si che le cipolle ed il resto si amalgamino bene.

Quando si e’ pronti, scaldare la padella sul fuoco e versarvi uno strato d’olio. Versare un mestolo della base che avete ottenuto. Assicurarsi che ci sia abbastanza base liquida cosi che la fritta possa formarsi. Lasciare cuocere prima un lato e poi l’atro, se si utilizza una spatula un po’ grande sara’ piu’ facile girarla.

A voi la scelta se fare una grande frittata o due piccole, l’importante e’ che il pajon sia servito con la salsa di soia dove s’intinge per dargli piu’ gusto.

NB: potete anche fare il pajeon aggiungendo ingredienti a scelta. Il più famoso è probabilmente quello fatto con i frutti di mare (seppia, gaberetti e polipetti).

 

Sogang KLEC – Iscrizione al Regular Program (corso di coreano)


Questa volta vi spieghiamo come iscriversi ai corsi organizzati da un’altra università di Seoul: Sogang University. La scuola di lingua coreana, che non ha nulla a che fare con i corsi di laurea, si chiama più precisamente Sogang KLEC (Korean Language Education Center) ed è molto conosciuta per avere lezioni concentrate principalmente sul parlato.

Sogang KLEC | Sito ufficiale

Il sito della Sogang KLEC può essere letto in 4 differenti lingue e molto spesso da problemi. In caso abbiate un Mac ci sono buone possibilità che non funzioni, quindi armatevi di internet explorer e provate la navigazione (lol).

La scuola offre diverse tipologie di corso: Regular Course, Regular Course Serale, Short Term, Special Program, Korean Immersion etc.. vi invitiamo a dare uno sguardo a tutti i corsi che hanno da offrire perché potreste trovarne di più adatti a voi, visto che in questo post parleremo solo del Regular Course (nonché l’unico di cui possiamo effettivamente parlare, non avendo mai provato gli altri!).

Regular Course | Link

Il Regular Course costa 1,560,000 Won (1055 €) e ha una durata totale di 10 settimane. Le lezioni sono dal lunedì al venerdì per 4 ore al giorno (quindi 20 ore settimanali e 200 ore TOTALI).
Le lezioni sono strutturate così: prima ora di scrittura (쓰기), seconda e terza ora di parlato (말하기) e ultima ora di lettura o ascolto (듣기 e 읽기). Si hanno in tutto 3 porfessori diversi, per abituarsi a diversi metodi di insegnamento.

Le classi si dividono in 6 livelli: 1~2 principiante, 3~4 intermedio e 5~6 avanzato. In base al vostro livello di coreano potete scegliere se fare una interview (è fattibile sia in persona o tramite telefono in caso vi trovaste all’estero) o se cominciare direttamente dal livello 1.
La classe è formata all’incirca da 13~14 persone.

Durante il corso vi saranno 2 esami, quelli di metà corso e i finali. Ogni esame è diviso in 4: scritto, parlato, ascolto e lettura.
Ovviamente per passare al livello successivo non bisogna venir bocciati, quindi bisogna ottenere sempre una media di 60/100 per esame. Anche le assenze sono determinanti per quanto riguarda la bocciatura! Si possono saltare un massimo di 10 giorni, quindi BISOGNA fare come minimo 160 ore delle 200 totali (se siete malati malati basterà portare il certificato del medico per far in modo che i giorni persi non vengano contati).

Come iscriversi

Guardate SEMPRE prima il sito e non basatevi solo ed esclusivamente su questo post! Contattare la scuola tramile Email è ancora meglio, perché vi permetterà di far loro domande a cui sapranno darvi risposte 100% sicure!

Per quanto riguarda l’iscrizione vi chiederanno di fare un po’ di cose:

  • Completare l’iscrizione online (application), che va fatta sul sito dopo essersi iscritti;
  • una copia del diploma di liceo (o dell’ultima scuola frequentata) e del passaporto (da inviare via email);

Se avrete bisogno di ottenere il visto, dovrete fornire alla scuola uno dei due documenti seguenti:

  • Un documento/bilancio bancario (financial document), in cui si attesta che abbiate più di 2300€ in banca (da inviare via email);
  • o una sponsorship letter (non sappiamo bene cosa sia, non ne abbiamo mai avuto bisogno).

Iscriversi è facilissimo e potete farlo così:

  1. Registrarsi: aprite il sito ufficiale e cliccate “login” in alto. Ovviamente non avete ancora un profilo e quindi dovrete cliccare “Join-up” e inserire tutti i vostri dati.
    Vi viene chiesta anche una breve presentazione di voi stessi (da fare in inglese), non preoccupatevi! Potete scrivere qualcosa anche di molto breve (4-5 righe?), non è determinante per l’ammissione ai corsi;
  2. una volta che vi siete registrati è il caso di compilare l’application form, ma prima dovete effettuare il log in! Una volta fatto troverete, tornando sulla home del sito, sulla sinistra “application – Sogang University”.. cliccateci sopra! Vi inserirà in automatico molti dei vostri dettagli personali che avevate inserito poco prima nella registrazione al sito. Quello che vi resta da fare è selezionare quale dei programmi offerti da Sogang KLEC volete frequentare, aggiungere i dati mancanti e compilare il “personal background” (va fatto in inglese). Anche qui non c’è bisogno di scrivere dei papiri.
    Alla domanda: “Does the student need a letter of admission” mettete “yes”. E’ INDISPENSABILE in caso vogliate ottenere il visto da studio (come ottenerlo? Ne parliamo QUA);
  3. inviate tramite email tutti i documenti richiesti in una volta sola. Ricordatevi il bilancio bancario in caso abbiate bisogno del visto;
  4. dopo una o due settimane la scuola vi darà notizia dell’ammissione, fornendovi i dati bancari per il pagamento della quota d’iscrizione e dei corsi;
  5. pagate i trimestri che volete frequentare dicendo alla scuola quanti ne avete pagati e poi inviando loro il documento bancario in cui si attesta che il pagamento è avvenuto (in caso vogliate il visto dovete pagarne almeno 2);
  6. vi verrà poi inviata una mail di accettazione finale, confermando l’iscrizione e il pagamento.
    In caso abbiate bisogno del visto, scriveteglielo tramite mail e loro vi invieranno tutti i documenti di cui avrete bisogno (tramite posta! Il pacchetto ci metterà almeno 2 settimane ad arrivare!!).

In caso vogliate fare domanda per il visto ci teniamo a ricordavi che le ambasciate sono buchi neri. Non sottovalutate la faccenda del visto, sopratutto se abitate lontani da Roma (ambasciata) o Milano (consolato). Fate l’iscrizione pensando che avrete bisogno di circa 2-3 settimane per portare a termine l’iscrizione e il pagamento della scuola e 2 settimane per ricevere i documenti necessari ad andare in ambasciata. Non fate tutto all’ultimo momento!

Studiare in Corea – FAQ


Molti di voi stanno progettando in un futuro, più o meno prossimo, di venire a studiare in Corea. Le domande che ci si pone sono tante, la confusione ancora di più e non si sa dove andare a sbattere la testa. Ci siamo passate anche noi, ci passerete voi e anche quelli che verranno dopo. Abbiamo quindi ritenuto fosse necessario fare un post riassuntivo con tutte le domande più frequenti. Se dopo questo articolo avete ancora dubbi non esitate a commentare qui in basso, aggiungeremo i vostri dubbi all’articolo e tenteremo di rispondervi.

GENERALI

1. Come funziona il visto?
Per ottenere un visto di studio le possibilità sono due: seguite un corso di coreano all’università (visto D-4) o fate un corso normale di laurea (visto D-2).
Per maggiori informazioni riguardo i visti leggete QUESTO articolo.

2. Con il visto di studio posso lavorare?
Sì, ma potete lavorare solo dopo 6 mesi e solo lavori part-time (lavori troppo specifici, nel campo dell’ intrattenimento e in campo artistico sono non si possono fare).
Potete lavorare per un massimo di 20 ore nei giorni di scuola (lun-ven) e a piacere nei weekend. Per le vacanze non ci sono restrizioni.

3. Quanto costa l’università?
Molti siti delle università non riportano i prezzi, quindi è difficile sapere i prezzi precisi anche per noi. In QUESTO articolo abbiamo scritto i prezzi dei corsi di coreano e fatto una stima dei costi medi dei corsi di laurea.

CORSO DI LAUREA

1. Quando inizia l’università?
E’ diviso in 2 semestri: marzo-giugno e settembre-dicembre. Pitete iniziare indipendentemente all’inizio di uno di questi semestri.

2. È difficile l’università in Corea?
Non particolarmente. Se si fa ció che viene assegnato in classe, si va a lezione e si ascolta in classe si va avanti senza problemi.

3. Come funziona l’università in Corea?
Leggete QUI.

4. Quanto dura l’università?
Corso di laurea: 4 anni. Ci sono major come medicina che richiedono più anni.
Master: 2 anni.

5. Come sono gli esami universitari?
Corso di laurea: quasi tutti scritti, a volte a crocette altre volte domande parte (essay style). Vengono fatti due volte a semestre (midterms-finals) e naturalnente ciò che si è fatto durante il primo esame non sarà argomento di esamente durante i finals (possono esserci eccezioni a seconda del professore).

6. Quanti anni devo avere per andare all’università?
Basta essere diplomati, se si ha il diploma allora l’età non conta.

7. Come, quando e dove posso iscrivermi?
Leggi QUI.

8. È facile essere ammessi?
Tutto dipenderà dalla vostra “presentazione”. Da quante attività extra, premi o simili avete ricevuto in passato e dalle vostre abilità linguistiche.

9. Si deve sapere il coreano per essere ammessi all’università?
Non obbligatoriamente, dipende dal percorso di studi scelto. Se scegliete una laurea in: studi internazionali, scienze politiche, business ecc ci sono alte possibilità che ci siano molti corsi in inglese. Avrete così tempo di imparare il coreano durante i 4 anni.

10. Si deve sapere bene l’inglese per essere ammessi all’università?
Se non è una major completamente in inglese allora no. E’ però importante, in quel caso, essere fluenti in coreano.

11. E’ possibile ottenere una borsa di studio?
E’ possibile, ma i criteri cambiano da università ad università.  Quasi tutte le università, però, hanno borse di studio per gli stranieri a disposizione.

CORSO DI COREANO ALL’UNIVERSITA’

1. Devo organizzare questo viaggio da solo e non so da dove partire.
QUI abbiamo scritto una guida passo per passo elencando, in ordine, tutto ciò che dovete fare.

2. Quando inizia?
Il corso di coreano ha date diversi per ogni università, ma è diviso in 4 trimestri e potete iniziare in uno qualsiasi. Nei siti delle università sono scritti i prezzi precisi.

3. Come faccio ad iscrivermi?
L’iscrizione si fa online e poi devono essere mandati tutti i documenti necessari per email o posta.
Leggete QUI per avere un esempio.

4. Come fanno a sapere qual è il mio livello di coreano?
Prima dell’inizio dei corsi, se avete già studiato coreano e pensate di poter partire da un livello più alto dell’1 allora potete fare un esame. A seconda del risultato sarete messi in un livello adatto a voi.

5. È difficile?
Non particolarmente. Se si fa ció che viene assegnato in classe, si va a lezione e si ascolta in classe si va avanti senza problemi.

6. Com’è strutturato il corso di coreano?
Il corso normale prevede 4 ore di lezione al giorno. Si imparano ogni giorno nuove grammatiche, nuove parole, si impara come e quando usarle e si fa pratica di ‘speaking’. C’è poi un’ora deidcata solo al ‘reading’. La suddivisione delle ore varia a seconda dell’università.
Molte università, una volta a trimestre, organizzano escursioni e attività extra in modo che si abbia la possibilità di approfondire la conoscenza della cultura coreana e della lingua.

7. Quanto dura?
Sono 6 livelli ognuno dura 3 mesi (in alcune università hanno corsi anche fino al livello 7 o 8).

8. I corsi sono tutti in coreano?
Certo. Le lezioni sono condotte interamente in coreano. I professori sanno benissimo di aver a che fare con persone che non parlano bene la lingua, quindi useranno sempre termini adatti al vostro livello, immagini e body language.

9. Se seguo il corso di coreano all’università mi vale come laurea?
No. Viene solo rilasciato un attestato.

10. Come sono gli esami?
Ce ne sono 4: speaking, listening, reading, writing due volte a trimestre (miterms-finals).
Si passa con il 60%-70% di risposte esatte.

11. Quanti anni devo avere per frequentare questi corsi?
Basta essere diplomati, se si ha il diploma allora l’età non conta.

12. È facile essere ammessi?
Prendono quasi tutti se si paga e si mandano i documenti necessari.

13. Esistono borse di studio per il corso di coreano?
Sì, alcune università mettono a disposizione borse di studio e solitamente vengono date a chi ha i voti più alti e ha meno assenze il trimestre precedente.

13. Che differenza c’è tra corsi di coreano organizzato dall’università e quello organizzato da una scuola privata?
Leggi QUI.

Ansan, natura in città


IMG_7590

Oggi vi propongo una meta dentro Seoul, la montagna Ansan. Quando dico montagna non aspettatevi di dovervi cimentare in arrampicata o dover camminare per km per raggiungere la cima, per noi abituati alle Alpi o agli Apennini è più una collina che una montagna. Detto questo non va sminuita per nulla, Ansan offre una vista meravigliosa dalla cima e, non essendo altissima, è raggiungibile da tutti. Oltre che il panorama, una volta arrivati a vetta, potrete vedere delle stazioni d’allerta risalenti alla dinastia Choson. Queste torrette servivano ad avvertire le guardie nella capitale in caso di attacchi e ciò avveniva attraverso segnali di fumo. Avete presente la prima scena di Mulan, il cartone Disney? Quando, all’arrivo degli unni, al guardia riesce ad accendere il fuoco della torretta. Torre dopo torre si passa così il messaggio d’attacco.

QUANDO ANDARE
Estate, primavera e autunno sono le stagioni migliori. D’inverno farà piuttosto freddo.

COME ARRIVARE
Ansan confina con il campus della Yonsei Universtity.
Per arrivare all’università prendete la linea 2 e scendete a Sinchon (신촌) uscita 3. Camminate sempre dritto e arriverete al Main Gate.

Una volta dentro il campus dovete raggiungere il Muak Dormitory, da li si può raggiungere una dell’entrate per la montagna.

Una volta in cima scendendo si puo’ prendere la strada per arrivare al tempio buddhista Bongwonsa.

*raggiungibile anche dall’east gate della Yonsei.

Molto facile da raggiungere e molto suggestivo il cammino. Consiglio di andare anche a visitare il tempio, molto bello!

Vi lascio alcune foto sperando che vi siano anche utili per orientarvi.