Hunting in Corea: la nuova era del RIMORCHIO

2

Già sappiamo che i coreani soffrono di gravi problemi sociologici e spesso si rifugiano dietro una facciata finta dettata dalle regole della società: le ragazze devono essere tutte innocenti e verginelle e gli uomini i machi della situazione che le devono proteggere e supportare.
Probabilmente una relazione amorosa ideale, nell’immaginario coreano, potrebbe essere quella nata tra i banchi di scuola (o tra i banchi d’ufficio per i ritardatari), ma a mali estremi, estremi rimedi, e per i poverelli che non sono riusciti  a trovare l’anima gemella esiste il Sogaeting (소개팅), incontri combinati con amici di amici o, più si va avanti con l’età, con figli di amiche di mamma. Insomma, che ansia.
Nonostante possa essere una cosa abbastanza patetica, questa pratica è sempre stata molto comune e lo è tutt’ora, specialmente per i poveri ragazzi che ormai hanno solcato la soglia dei 30 anni e sono ancora single. Secondo la società coreana, sono ormai quasi da buttare, senza speranze di trovare l’anima gemella, perché sarà già sicuramente impegnata con qualcun altro, e quindi il compito di genitori e amici è quello di mettersi alla ricerca e iniziare a presentare al povero o alla povera malcapitata possibili candidati per il matrimonio.

Abbiamo capito quindi che avere un partner in Corea sembra essere di estrema importanza, quasi una questione di vita o di morte, ma i tempi stanno cambiando e nuove tecniche di abbordaggio si fanno sempre più popolari. Oggi vi parleremo dell’ hunting.

Cos’è l’hunting

Assolutamente nulla di nuovo e innovativo. E’ pratica comune in tutto il mondo ed è un modo come un altro per classificare l’abitudine di “approcciare persone del sesso opposto totalmente sconosciuti per scopi non proprio casti e puri”. Insomma, un esempio che è molto comune anche in Italia può essere per esempio un ragazzo/a che va a chiede il numero ad una ragazza/o sia che siano in un locale o per strada.

Non è quindi una pratica a noi sconosciuta, questo no, ma ovviamente i coreani quando fanno le cose le devono fare in grande, quindi: perché non creare locali appositi?! Ed eccoci agli hunting bar! Locali contrassegnati da scritte che lasciano poco all’immaginazione: “Entri in UNO e uscite in DUE”.

Hunting Bar

  Screen Shot 2016-05-27 at 12.04.00 AMNon sono certamente una novità in Corea. Esistevano anche decenni fa, ma ovviamente i tempi si sono evoluti, la necessità di questi locali è cresciuta e ora, in particolare nelle zone universitarie, ci ritroviamo circondanti da questi bar.

Il loro funzionamento è estremamente facile. Anzi, non c’è assolutamente nulla da fare. Se siete ragazze entrate e vi sedete al vostro tavolo ordinando da bere e da mangiare, se siete uomini: che la caccia abbia inizio! Avrete anche voi il vostro tavolo, ma molto difficilmente ci passerete molto tempo. Il vostro obiettivo e preoccupazione primaria infatti sarà la FI….la di ragazzi che dovrete sconfiggere con il vostro charm e la vostra simpatia! Ogni altro uomo nel locale infatti è vostro nemico perché possibile competitore per una ragazza che vi piace. Il primo approccio è quindi molto importante. Da soli o in coppia vi dirigerete al tavolo delle ragazze preda che avete selezionato e inizierete l’attacco. Solitamente vi sedete al tavolo, iniziando con discorsi banali, tipo lo scambio di nomi e cose simili e dopo che il ghiaccio si è un po’ sciolto allora potete passare alla domanda fatidica, la cui risposta detterà il risultato della vostra caccia: “Volete venire a bere al nostro tavolo?”. Se la risposta è positiva, COMPLIMENTI! Se invece non lo è, sorry GAME OVER. 

Comportamenti comuni

Donne

Solitamente? Sono un po’ dei pali di legno. Non si scollano dai loro tavoli se non per andare al bagno e stanno semplicemente in attesa che qualcuno le approcci. Molto raramente sono loro ad andare dai ragazzi: figurati! Loro sono caste e pure, non si permetterebbero mai! Infatti sono capitate in questo locale per sbaglio, figurati se lo sapevano.
Comunque,  sostanzialmente non fanno nulla, sono le regine del locale. Vengono approcciate, valutano i concorrenti (solitamente con sguardo di sufficienza anche se sono interessate) e infine danno la sentenza finale.
Tra di loro in realtà passano tutto il tempo a commentare i ragazzi attorno a loro, lanciando occhiate ammiccanti e timide allo stesso tempo (non so come sia possibile, ma suppongo sia un potere speciale coreano). Le più bagasce poi iniziano a valorizzare le tette (per il 90% l’imbottitura delle tette) aumentando la scollatura o schiacciandole con le braccia in modo che sembrino più grandi. Il tutto sempre con uno sguardo innocentissimo. 100 e lode per la poker face, complimenti!
Quando poi appunto arrivano i ragazzi il primo sguardo è al 99% dei casi o imbarazzato o scazzato. Palesemente una recita dato che ovviamente il motivo per cui sono li è proprio per essere abbordate. Anche i peggio sguardi e le peggio occhiatacce però sembrano non avere effetto sui ragazzi a caccia, che probabilmente ormai ci hanno già fatto l’abitudine.
Se le ragazze decidono di rispondere positivamente allora il loro comportamento cambierà letteralmente, il loro livello alcolico nel sangue salirà alle stelle e nel 90% dei casi inizieranno a fare le cascamorte dandosi ad abbracci e a volte anche baci. Con un tale livello alcolico nel sangue probabilmente in una qualsiasi altra nazione del mondo finirebbero tutte per essere stuprate e nemmeno se lo ricorderebbero, ma per fortuna siamo in Corea dove il buon senso ancora prevale.

Uomini

Essendo io una donna onestamente mi risulta difficile comprendere le loro strategie di abbordaggio, ma una pratica che sembra molto comune è quella di mandare all’attacco il più brutto del gruppo di amici. Forse perché il più brutto è il più simpatico? Perché quelli fighetti devono comunque mantenere la loro immagine? Non ne ho la minima idea, ma se il 99% dei ragazzi lo fa probabilmente vuol dire che funziona, perché se no non me lo spiego proprio.
I ragazzi impiegano più della metà del tempo facendo vasche su vasche su e giù per il locale, per controllare bene tutti i tavoli di ragazze e pianificare in che ordine procedere all’attacco. Insomma, un lavoro molto stancante e spesso anche umiliante (dato che comunque il buon successo dell’attacco è sempre 50%).

Come finiscono queste serate

Spesso dopo il primo locale, se l’attacco è stato efficiente, i nuovi gruppi formati si dirigeranno in un altro bar, o al karaoke, dove continueranno ad approfondire la loro conoscenza. In alcuni casi la serata finisce con una one night stand, in molti altri semplicemente si scambiano il numero e, se il fato vorrà, continueranno a vedersi.

Come riconoscere questi locali

Screen Shot 2016-05-27 at 12.05.46 AMIl segno più ovvio è il fatto che solitamente c’è la coda per entrare e, la maggior parte delle volte, uomini e donne fanno code diverse.
Alcuni hanno nomi proprio esplicativi con scritte che palesemente spiegano le regole del locale. Non tutti infatti funzionano nello stesso modo, in alcuni bisogna dare al cameriere un bigliettino con il numero di tavolo delle ragazze o ragazzi a cui si è interessati e il barista farà quindi da Cupido. In generale, comunque, se davanti ad un locale c’è molta coda le opzioni sono due: o è una discoteca, o un hunting bar.
A seguito vi lascio una lista dei più comuni, se cliccate sul nome del locale il link vi porterà ad un sito dove troverete anche la mappa per raggiungerlo :

Green Light 그린 라이트 (Hongdae)
Green Light 그린 라이트 (Kondae)
Solo Pocha 쏠로 포차 (Hongdae)
Solo Pocha 쏠로 포차 (Kondae)
10Minutes 텐미닛 (Hongdae)
Samgori Pocha 삼거리포차 (Hongdae)
Samgori Pocha 삼거리포차 (Kondae)
HongkongYa ShiJang 홍콩야시장 (Hongdae)
Babo wa Yeou 바보와 여우 (Hongdae)
SSoming 썸ing (Gangnam)

Note finali

  1. Rendiamoci conto di quanti problemi devono avere se hanno bisogno di un locale apposito per poter rimorchiare delle ragazze.
  2. Non in tutti questi locali fanno entrare gli stranieri.
  3. Se già i ragazzi che vanno in questi locali solitamente non hanno intenzioni pure, quelli che abbordano le ragazze straniere sono solitamente i peggio dei peggio. Già gli ci vuole un coraggio immenso solo per andare a parlare con delle straniere, di certo non lo fanno per trovare chissà quale grande amicizia, quindi ATTENTE, siatene coscienti.

About Author

Anna abita in Corea dal 2011. Inizialmente ha studiato coreano alla Yonsei University, poi ha cominciato un percorso universitario in International Studies alla Korea University.

2 commenti

  1. Articolo interessante, ma non credo dovresti parlarne in modo tanto sarcastico e “offensivo”……per i Sud Koreani, così come per i giapponesi, “lasciarsi andare” è un argomento difficile anche solo da capire. Questi bar sono utili a facilitare il contatto umano e, in certi casi, fisico, che nella vita di tutti i giorni, per loro, risulta improponibile. E’ nella loro cultura il potersi esprimere in un certo modo, liberamente, solo in determinati luoghi. Le ragazze koreane non fanno le verginelle, solo perché mettono in mostra la loro mercanzia, in posti come quelli e non credo vogliano dare l’impressione d’esser finite lì per sbaglio. Voi donne occidentali vi mettete in mostra ovunque s’è per quello, così come chiunque altro, tanto più se siete ancora single…..ed è normale, nessuno vi prende per “verginelle” né per ragazze facili. Sei ingiustamente critica verso questa loro pratica, forse un po’ strana, ma neanche più di tanto. Da noi questi tipi di situazioni possono capitare in normalissimi bar o pub senza che questi abbiano un nome particolare, o che siano fatti apposta. Prenditela meno, perché alla fine: “tutto il mondo è paese”!

    • Infatti la mia ironia sta proprio nel fatto che abbiano dei locali appositi quando nel resto del mondo è una pratica assolutamente comune in qualsiasi bar o locale, non serve il “permesso scritto”.
      Il mio verginelle, poi, non era riferito al fatto che vanno in quei locali, assolutamente, ma al fatto che nella vita di tutti i giorni nascondano al mondo la loro vita sessuale, come se fosse una vergogna. Solo menzionare il fatto che si possa aver dormito nella stessa stanza con il fidanzato in alcuni casi non è accetto. Quindi, tutti lo fanno, ma nessuno ne parla. Di amiche coreane ne ho diverse e quasi nessuna ha detto la verità al loro ragazzo attuale riguardo al numero di fidanzati che ha avuto precedentemente o alle esperienze fatte, proprio perchè in Corea c’è ancora questa tendenza a volere la ragazza casta e pura. E, attenzione, la mia NON è una critica alle ragazze, ma agli uomini coreani! E’ per colpa loro se le ragazze coreane devono fingere in questo modo!
      E comunque il mio articolo non voleva assolutamente criticare questi locali, sono la prima ad esserci stata diverse volte (se no non avrei mai potuto scrivere un articolo al riguardo, no?). Semplicemente ho sempre trovato assurdo che ci siano locali appositi. Poi l’hunting di per se e’ una cosa comunissima in Corea, nelle zone universitarie lo fanno tranquillamente per strada senza scrupoli, anche piu’ che in Italia oserei dire! ahah Pero’, appunto, e’ assurdo vedere il cambiamento di atteggiamenti tra giorno e notte: a lavoro tutti seri e perfettini, di notte subito pronti a fare conquiste.. un po’ un paradosso insomma^^

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: