5 motivi per cui ODIO la Corea

12

Certo, la Corea a molti può sembrare il paese dei balocchi, ma ci sono certe cose che, anche per chi ci viene solo in vacanza, risultano essere estremamente fastidiose e potrebbero addirittura portarvi ad odiare questo paese. Non dilunghiamoci troppo con le spiegazioni e iniziamo subito la lista di 5 cose che personalmente odio della Corea e dei Coreani.

La fila

Non sarà forse una delle cose più fastidiose, ma indubbiamente non è per nulla piacevole. In Corea, sia per i mezzi pubblici che molto più spesso per i ristoranti considerati “popular” si tende spesso a creare la fila. Nulla di sbagliato in tutto ciò, se non fosse che noi italiani ci troviamo veramente in difficoltà in questo caso. Da bravi paesani siamo abituati a lottare fino allo sfinimento per poter arrivare prima degli altri e superare le vecchiette fastidiose che ci stanno davanti, in Corea invece questo non è possibile. Non si può assolutamente saltare la fila! Tutti stanno in fila indiana e se solo provi a sorpassare qualcuno ti guardano come se fossi un criminale! Cosa ancora peggiore è che spesso nemmeno si ha la possibilità di provare il sorpasso, perché davanti ai ristoranti mettono sempre una tabella dove scrivere il proprio nome e poi chiamano in base a quella, quindi, essendo tutto registrato “nero su bianco” purtroppo non c’è via di scampo. Se c’è la fila, come tuti gli altri coreanini, bisogna aspettare per forza il proprio turno, non c’è via di scampo

Leggi anche: “4 cose che gli italiani devono imparare dai coreani

Mangiare al ristorante

Il punto precedente ci porta necessariamente al punto successivo: mangiare al ristorante coreano in Corea. In Italia andare al ristorante è comunque solitamente un occasione speciale, un occasione per spendere 20 euro per una pasta che in realtà ne costerebbe massimo 5, ma ovviamente mangiarla al ristorante fa più figo e ti senti un po’ più speciale. In Corea invece no, nemmeno questa gioia ci è permessa. I prezzi dei ristoranti fanno concorrenza alle peggio mense universitarie! Si può mangiare tranquillamente con 3 o 4 euro un piatto coreano tradizionale e quindi anche il nostro sogno di andare a sbandierare la nostra ricchezza mangiando cibo esotico al ristorante non è ripagata! Anzi, vi dirò di più, fa quasi più “vita altolocata style” mangiare a casa dati i prezzi di frutta e verdura che vi propongono ai supermercati!

L’igiene personale

Questo punto riguarda soprattutto i ragazzi coreani. Certo, a vederli sculettare e toccarsi il pacco nei video musicali sembrano tutti molto attraenti e fanno impazzire miliardi di ragazzine, ma poi arrivati in Corea vi renderete tristemente conto che è tutto fumo e niente arrosto. Nei video, gli uomini sprizzano mascolinità da tutti i pori talmente tanto che l’odore di uomo trapassa quasi gli schermi del PC, ma nella realtà si scopre però che l’odore del vero uomo proprio  non ce l’hanno. Tendono infatti a lavarsi minimo 2 volte al giorno! Senza menzionare il fatto che nemmeno quando fanno sport e sono tutti sudati da far schifo profumano di uomo!! Sei tutta emozionata, a fissare un bel fusto in palestra alzare in modo sensuale i pesi, tutto grondante di sudore… e poi in realtà quando gli passi in parte senti solo profumo di rose! Dove l’hanno lasciato l’odore acre che ti perfora i polmoni e ti fa svenire? Mha.

Leggi anche: “Ragazzi coreani: come, dove, quando e perché?!

I supermercati

Qui altro tasto dolente. Per colpa dei supermercati 24h in Corea non si può mai dormire sogni tranquilli. In Italia sai che dopo le 7 è sicuramente tutto chiuso, quindi con buon senso il frigo di casa è sempre pieno per prevenire ogni crisi di fame improvvisa e dopo quell’ora sai che puoi goderti il tanto meritato riposo in salotto spaparanzato sul divano con tutto a portata di mano. In Corea purtroppo non è così facile riposarsi, infatti si è perennemente sottoposti allo stress psicologico da convenient store. Questi infatti sono aperti 24 ore su 24! Un vero e proprio incubo! Capita infatti praticamente tutti i i giorni di essere distesi comodamente sul letto a guardare qualche telefilm quando improvvisamente arriva la voglia improvvisa di cioccolata o di un qualche altro snack random, che ovviamente non si ha a casa! In una normale circostanza in Italia si avrebbe la scorta pronta a portata di mano e in invece no, in Corea sapendo che tanto sono sempre aperti non ci si fa mai la scorta e si è costretti ad uscire di casa per raggiungere il supermercato più vicino! Questa cosa succede ogni maledetto giorno. Ma perché tutto deve essere aperto 24/7?? Dateci un po’ di pace, coreani!

La criminalità

Questa è forse una delle cose peggiori. Noi esseri umani abbiamo sempre bisogno di essere sottoposti a stimoli provenienti dall’ambiente che ci circonda per poterci sentire vivi, abbiamo bisogno di avventura, emozioni forti e queste purtroppo in Corea mancano. Quando si esce la sera non bisogna stare attenti agli stupratori, ai ladri o agli ubriaconi che vogliono fare a botte, infatti le città sono fin troppo sicure e tranquille! Mai nessuno che ti importuni o ti faccia provare un po’ di paura quando alle 4 di notte stai tornando da sola a casa magari anche un po’ scollata perché reduce da una serata in discoteca! Anche semplicemente quando sei al bar puoi andare in bagno lasciando il cellulare e la borsa incustodite al tavolo, cose pazzesche! Poi ovvio che quando torni in Italia finisci per farti rubare tutto! La Corea ti fa scordare cosa sia l’istinto di sopravvivenza!

Questi erano i miei 5 motivi per cui veramente odio la Corea. Sono sicura che anche voi, se siete stati qui, avrete avuto altrettante esperienze negative, quindi vi invito a raccontarcele qui sotto nella sezione commenti!

About Author

Anna abita in Corea dal 2011. Inizialmente ha studiato coreano alla Yonsei University, poi ha cominciato un percorso universitario in International Studies alla Korea University.

12 commenti

  1. inizialmente mi era preso un infarto pensando che tutto ciò fosse stato scritto seriamente hahahaha

  2. ahhah che spasso… in effetti quella della criminalità la condivido pure io… tornando dalla corea ho rischiato di tutto non mettevo più il lucchetto alla bici.. andavo al mercato con il portafogli ricolmo di biglietti di banca senza sigillare le tasche e lasciavo una svariata serie di oggetti incustoditi…

  3. Non capisco in quale senso la Corea è più sicura dell’Italia. Certo in Italia bisogna stare molto attenti alle proprie cose, ma a parte questo la Corea e l’Italia hanno un tasso di omicidi molto simile, invece il tasso di stupri in Italia é circa metà di quello in Corea. Poi anche voi avete raccontato che un uomo a pene fuori vi ha corso dietro, cosa che per fortuna in Italia non è assolutamente mai successa ne a me, ne a qualcuno che conosco. Però se dovesse succedere mi segnerebbe a vita, e non penserei di trovarmi in un posto sicuro. Ovviamente sono in attesa di chiarimenti, le vostre parole sono molto autorevoli visto che vivete in Corea. Grazie per tutto il vostro lavoro.

    • Inoltre ricordo un vostro video “Discoteca, rapina e ragazzi coreani // Kondae” in cui c’erano dei poliziotti con un ragazzo e una ragazza e avete sospettato subito a uno stupro, poi avete scoperto che erano li per un tentativo di rapina, era un caso eccezionale?

    • Grazie per i commenti!
      Allora, vado per punti in modo di cerare di dare chiarezza a tutti.

      Per quanto riguarda l’uomo con il pene di fuori era palesemente una persona instabile mentalmente. Probabilmente con qualche problema mentale. Non è stata una cosa che ci ha segnate particolarmente perchè nonostante ciò che stesse facendo è ovviamente sbagliato comunque non c’era una vera e propria cattiveria volontaria dietro le sue azioni. E’ molto difficile da spiegare a parole, ma eravamo in 3 e tutte e 3 abbiamo avuto la stessa percezione della situazione. Se ci fossimo veramente spaventate per ciò che è successo ovviamente non ci scherzeremmo e rideremmo sopra! Diciamo che abbiamo mentalmente giustificato la cosa dato che si trattava di una persona con qualche problema mentale. Di uomini così mi è capitato di vederne anche in Italia (i fantomatici pervertiti con l’impermebaile).

      Per quanto riguarda invece l’alcool e la sicurezza non so darti una spiegazione scientifica del perchè nonostante ci siano molti ubriachi questi non diventino violenti. Solitamente quando si ubriacano diventano molto più amichevoli o si addormentano, non hanno la “sbronza violenta” come per esempio capita spesso nel caso degli americani che si trovano nella zona di Itaewon. Ovviamente ci è capitato anche di assistere a risse tra Coreani, ma solitamente se arrivano alle mani sotto c’è un motivo “serio” o per lo meno percepito tale da loro, mentre spesso per gli stranieri che ci sono qui se sono ubriachi arrivano a picchiarsi anche se per sbaglio uno gli ha pestato il piedi o gli ha dato una spallata camminando.

      La vicenda a Kondae è stata un eccezione, e proprio per questo ci ha sorprese talemente tanto da inserirla in un video. Inizialmente avevamo supposto che il tizio le avesse magari toccate in malo modo semplicemente perchè si trovavano davanti ad una discoteca e sapendo che le coreane sono molto “sensibili” alla skinship indesiderata avevamo supposto potesse essere quello (in Italia non posso dire di essere esperta di discoteche, ma le uniche due volte in cui sono stata mi è capitato spesso di trovare gente che ti palapa il culo a random e simili, mentre in Corea solitamente non succede, quindi non mi stupirebbe se qualche ragazza chiamasse la polizia per un motivo simile).
      Alla fine non era però colpa del ragazzo, ma delle ragazze che evidentemente avevano cercato di rubagli il cellulare (o qualcosa di smilie, ora non ricordo). Anche questa una cosa che succede veramente di rado in Corea e lo dico per esperienza personale. Io sono un tipo molto distratto e mi capita almeno una volta al mese di dimenticare il cellulare da qualche parte e fino ad ora l’ho sempre ritrovato o al bancone del locale, o negli uffici lost and found della metro ecc ecc. Poi ovviamente ci sono anche i casi in cui sei sfortunato e qualcuno di meno onesto decide di tenersi il cellulare che hai perso, ma basandomi sulla mi esperienza in Italia e in Corea, in Italia il cellulare lo ritrovi 2 volte su 10, in corea lo ritrovi 8 volte sue 10.

      Per quanto riguarda i crimini e gli stupri onestamente non conosco le percentuali. Ho cercato su internet ma i dati più recenti sono del 2004, più di 10 anni fa quando io non ero ancora in Corea, quindi mi sono poco utili per dare un effettivo giudizio della sicurezza. In ogni caso resta il fatto che in Italia mai mi sognerei di girare di notte da sola, mentre in Corea lo faccio sempre e senza paura. Potrebbe essere magari anche un semplice fattore direttamente collegato a come percepisco l’ambiente che mi ricorda e le persone che incontro. In Italia non mi è mai capitato per fortuna di imbattermi in persone che volevano esercitare violenza su di me, ma capitava spesso di sentire gruppi di ragazzi che mi urlavano contro mentre passavo (le classiche frasi del tipo “ehi bella dove vai” o semplicemente fischi). Per quanto questi si siano sempre limitati a fare commenti sono comunque situazioni che almeno a me onestamente mettono a disagio, talmente tanto che che se so che ci sono vie dove è più facile imbattersi in questo genere di persone, per sicurezza le evito a prescindere. In corea invece questo comportamento non è assolutamente comune. Certo, i ragazzi a volte ti vengono a parlare per strada, ma l’atteggiamento è completamente diverso. Non ti urlando da lontano ridendosela, e sopratutto non fanno commenti a sfondo sessuale.
      Tutto questo per dire che è proprio la percezione dell’ambiente circostante che è diversa e che probabilmente mi fa sentire più al sicuro in Corea rispetto all’Italia.

      Ora non so se sono stata abbastanza chiara, forse ho divagato un po’, ma se qualcosa non ti è chiaro chiedi pure ^^

      • Grazie per le spiegazioni, c’è ancora una cosa che non capisco, quando dite che l’uomo con il pene fuori (di cui non conosciamo le intenzioni) non vi ha spaventato perché era instabile mentalmente, è ovvio però che gli stupratori sono persone instabili di mente e con gravi problemi mentali; poi di solito le persone non hanno paura di uscire di notte a causa dei sani di mente. È per questo che ho dubbio riguardo al fatto che in Corea si possa uscire di notte senza correre rischi, i matti con cattive untenzioni sono dappertutto e il loro comportamento è imprevedibile.

      • Mmm ripeto, mi è molto difficile spiegare perchè non mi abbia fatto paura onestamente…non lo so forse perchè correva moooolto lentamente e quasi non si reggeva in piedi? O perchè parlava in modo molto strano, proprio come se fosse ritardato? Sembrava proprio non sapesse quello che stava facendo diciamo. Gli stupratori sicuramente sono instabili mentalmente, ma sono coscienti di quello che fanno e lo fanno con cattiveria, in lui non abbiamo visto cattiveria e violenza, probabilmente per quello non ci ha fatto poi tanta pura diciamo!

    • La criminalita’ c’e’ e ci sono anche i reati causa guida in stato di ebbrezza.
      Ci sono zone poco raccomandabili ovunque.

      Sicuramente Anna voleva fare un articolo ironico su dei fattori piu’ o meno positivi del vivere in Corea , (una volta abituatocisi).

      Quando si parla di ragazze che vanno in pigiama a fare la spesa di notte senza problemi in Corea e in Giappone, bisogna puntualizzare che non vanno a km di distanza ma restano in zona, massimo a poche centinaia di metri.

      Poi per noi cresciuti e abituati a vivere in Italia dove generalmente veniamo educati sapendo di dover fare attenzione a determinati fattori, probabilmente fa meno paura vivere in Corea dove in linea di massima i reati sono minori ma ci sono.
      In Italia devi fare attenzione all’Italiano e all’ “immigrato” con cattive intenzioni. Qui il fenomeno e’ un po’ ristretto ma qui in Corea ho visto scene di ragazze straniere importunate da uomini coreani e tirate per le braccia.
      Uomini ubriachi fare battutine sessuali sulla moglie del mio capo con lui e la figlia al fianco alle 7 di sera.
      Proprio oggi ho letto la notizia di un uomo incappucciato ed armato che ha fatto irruzione in una banca per fare una rapina. (E le banche qui non sono con sportelli blindati o tornelli).
      Anche qui capita il pazzo che accoltella la ragazza di turno per rabbia improvvisa o il tassista depravato.
      Di recente un uomo e’ stato arrestato perche’ cercava di ubriacare turiste offrendo da bere per poi rubare soldi e o telefoni ecc.
      Capita che alcune ragazze evitino di entrare in ascensore da sole con uomini.
      Capita a me che non entrino, ma non e’ solo “a causa dello straniero” , ma perche’ a detta di mie amiche coreane , spesso evitano anche di essere sole con ragazzi coreani perche’ non si sa mai.
      Inoltre ho visto risse di ubriachi con la polizia…

      Insomma, tutto il mondo e’ paese, basta (cercare) di avere buon senso

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: